Inclusività

L’ESSENZIALE E’ INVISIBILE AGLI OCCHI

Funzione strumentale inclusività: Prof.ssa Maria Rosaria CORALLO



NOI …. scegliamo L’INCLUSIONE ……..  perché …..

QUESTI SIAMO NOI

SCOPRI ALCUNE DELLE NOSTRE INIZIATIVE REALIZZATE NGLI ANNI SCOLASTICI

Laboratorio di pittura: UN ARCOBALENO DI EMOZIONI/CREATIVA-MENTE 

L’arte è uno strumento di comunicazione, una forma di linguaggio che permette di rappresentare oggetti, soggetti ma anche emozioni, dunque, può migliorare la percezione di sé e della realtà e favorire anche lo sviluppo di varie competenze. Questa potenzialità dell’arte è alla base del progetto “Un arcobaleno di emozioni/Creativa-mente”, organizzato in attività laboratoriali che hanno permesso ai ragazzi disabili di prendere coscienza delle proprie potenzialità creative e di manifestarle, in modo che diventino un ottimo strumento conoscitivo. Moduli, appositamente creati,e attività espressive hanno favorito l’acquisizione di determinate abilità e tecniche che permettono l’espressione di sé. Infatti, i materiali cosiddetti creativi costituiscono ottime vie di scarico di insicurezze ed efficaci mezzi di espressione anche del mondo interiore di questi ragazzi che, spesso, in modo verbale e scritto, non riescono a manifestare. Durante i vari incontri, i ragazzi hanno svolto, nel Laboratorio arcobaleno dell’Ist. “P. Calamandrei”, i seguenti moduli:

Realizzazione di maschere di Carnevale su cartoncino, decorate con gomma eva
Astrattismo geometrico di Mondrian. Tecnica del collage
Espressionismo: Notte stellata di Van Gogh. Tecnica della Texture (pastelli o colori a spirito)
I girasoli di Van Gogh. Tecnica del cotton fioc e acrilico
Tecnica dell’acquerello con caffè o tè
Astrattismo di Kandinsky. Schizzi di colore con acrilico su tela

Tra i ragazzi partecipanti al progetto si è creata un’atmosfera di serena collaborazione, la loro capacità di socializzazione si è rafforzata, infatti, si sono create nuove amicizie e rinsaldate altre. L’attività laboratoriale ha permesso loro anche di lavorare nel rispetto delle norme comportamentali, dei tempi e degli spazi dell’altro; gli alunni hanno avuto la possibilità di raccontarsi con l’arte, comunicando il proprio mondo interiore. Dunque, imparare e crescere in un clima ludico, supportati e guidati da docenti e da educatrici professionali molto motivati che hanno contribuito notevolmente e organizzato la mostra finale dei lavori, si è rivelata, ancora una volta, una combinazione molto proficua. Siamo certi che, anche il prossimo anno, non mancheranno l’impegno e l’entusiasmo di sperimentare l’arte come strumento di comunicazione e di manifestazione di sé, coinvolgendo sempre più i nostri ragazzi speciali e basandoci su un efficace lavoro di squadra!

Il giorno 13 gennaio 2023 una delegazione di studenti disabili e normodotati dell’Elena di Savoia si è recata presso la galleria del Centro Commerciale Ipercoop di Japigia per mostrare alla cittadinanza il risultato del progetto Agricoltura Pura – Dai saperi ai sapori.

I ragazzi, nell’arco di lunghi mesi, nei laboratori e nell’orto dell’Elena di Savoia, hanno coltivato, innaffiato, curato amorevolmente le piantine aromatiche di salvia, timo, melissa e aloe.

L’uso dell’orto didattico ha permesso di “imparare facendo”, di sviluppare il concetto del “prendersi cura di”, di imparare ad attendere i tempi della natura, di cogliere il concetto di diversità, di lavorare in gruppo, e ha consentito agganci reali con l’educazione alimentare e il cibo.

Gli studenti, in un contesto bucolico che ha favorito il loro benessere fisico e psicologico, attraverso le attività di semina, cura, raccolta, compostaggio hanno appreso i principi dell’educazione ambientale e alimentare, hanno imparato a leggere in chiave ecologica le relazioni che legano i membri di una società e a prendersi cura del proprio territorio.

 

L’esperienza diretta nell’orto, infine, oltre ad essere strumento didattico interdisciplinare, è anche diventato mezzo trasversale per costruire relazioni tra la scuola, gli studenti, le famiglie e la società civile che, opportunamente coinvolta, si è trasformata in comunità educante.

L’Associazione Strada Facendo Aps ha collaborato attivamente con i propri esponenti alla realizzazione del progetto con l’intervento attivo di giovani disabili e di collaboratori che hanno partecipato all’attività di coordinamento dei ragazzi impegnati nei lavori.

Il progetto è stato altresì condiviso con l’Ipercoop di Bari Japigia che ha aderito con vero slancio alla sua realizzazione offrendo la disponibilità ad ospitare gli studenti nella propria galleria per mostrare ai propri clienti ciò che i ragazzi disabili e normodotati, insieme, l’uno accanto all’altro, hanno realizzato.

La giornata è stata una festa gioiosa per gli studenti che hanno addobbato l’espositore a loro dedicato all’interno della Galleria con lo stendardo della scuola, con le locandine del progetto sia dell’Elena di Savoia sia dell’Ipercoop e con le piante aromatiche, i vasetti di funghi e le bottigliette di olio tutti prodotti “made in Elena di Savoia” dagli studenti.

Il risultato del lavoro è stato così esposto al pubblico che, con grande interesse, si è lasciato trasportare dai racconti dei ragazzi sulle attività eseguite e sulle metodologie di lavoro applicate.

I sorrisi e gli apprezzamenti dei cittadini sono stati il giusto riconoscimento e la legittima gratificazione all’impegno quotidiano profuso dagli studenti che mano nella mano si sono stretti per sorridere tutti insieme alla loro vita futura.

ORTO DIDATTICO

 

 

Il 13 aprile 2022 si è svolta la cerimonia di inaugurazione dell’orto didattico dell’Elena di Savoia, e il nostro dipartimento non poteva mancare con le piantine coltivate e con l’impegno e la passione quotidiana dei nostri alunni.

L’inaugurazione dell’orto didattico è stato un momento di vita scolastica aperto alle Istituzioni locali, che con la loro partecipazione hanno confermato il valore inclusivo dell’iniziativa e l’importanza dell’avvicinamento degli alunni alle tradizioni culturali agresti locali per riscoprire le origini, le usanze e la storia dei tempi passati in un tripudio di colori e sapori sempre diversi offerti ogni giorno dalla natura a tutti noi.

Il caratteristico folclore agreste rivive nelle quotidiane attività campestri eseguite nel nostro orto, che sono scandite dall’alternarsi delle stagioni e che riportano alla vita attuale la dolce memoria della nostra storia recente…. e noi siamo testimoni di questa costante azione di recupero del nostro passato.


BRUSCHETTATA DI FINE ANNO SCOLASTICO

L’INCLUSIONE, L’ACCOGLIENZA E LA SOCIALIZZAZIONE NEL GRUPPO CLASSE OSSERVANDO LA REALTÀ

Il giorno 24 novembre 2021, presso l’auditorium della sede Elena di Savoia si è svolto l’incontro che ha avviato il progetto “L’INCLUSIONE, L’ACCOGLIENZA E LA SOCIALIZZAZIONE NEL GRUPPO CLASSE OSSERVANDO LA REALTÀ” che si è posto l’obiettivo di favorire e migliorare l’inclusione degli alunni disabili all’interno del contesto classe, stimolando la socializzazione, la sensibilità e l’empatia di tutti gli studenti.

Relatori dell’evento sono stati il Dirigente Scolastico Prof. Carlo De Nitti, la Dottoressa Stefania Cavallo, per la Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza dell’Asl/BA, e alcuni dei genitori degli alunni disabili della sede Elena di Savoia.

La platea degli uditori è stata costituita da tutti gli studenti della sede Elena di Savoia che hanno partecipato virtualmente dall’interno delle loro classi con un collegamento telematico con l’uso della LIM.

Il progetto è proseguito nei mesi successivi con esperienze di laboratorio che si sono basate su processi volti a favorire l’inclusione e l’apprendimento attivo dell’ “imparare facendo”.

A conclusione dell’evento, i genitori presenti hanno risposto con la voce del loro cuore e le parole delle loro emozioni quotidiane alle domande formulate per iscritto dagli alunni, in modo anonimo, nei giorni precedenti.

Le domande e le risposte scritte sono per la nostra comunità scolastica un vissuto prezioso che è frutto di esperienza quotidiana, che non deve essere dispersa con il trascorrere del tempo, ma cristallizzata nei cuori di tutti noi.

Per tale motivo le domande e le risposte sono state raccolte in un piccolo libro realizzato con l’impegno degli studenti …. tutti insieme …. e invitiamo i nostri “25 lettori” di manzoniana memoria a sfogliare le pagine di questo piccolo libro, e a leggerle con partecipazione, lasciando aperta alle emozioni la porta del cuore.

CLICCA NELL’IMMAGINE PER SFOGLIARE IL LIBRO 

 

 

Scuola, Sport e Disabilità

La sede Elena di Savoia ha aderito al progetto regionale “Scuola, Sport e Disabilità” avviato dalla Regione Puglia – Assessorato allo Sport insieme all’U.S.R. per la Puglia, al C.I.P. Puglia e all’Università di Foggia.

Alcuni studenti disabili sono impegnati in attività sportive insieme ai compagni normodotati. Al fine di dare continuità al lavoro a coppie, finalizzato a massimizzare l’inclusione, la sede Elena di Savoia ha scelto per l’anno scolastico in corso il gioco del calcio balilla, con gare da disputare a coppie. L’attività svolta in orario esclusivamente extrascolastico, prevede la presenza di un esperto federale che spiega le regole e le tecniche del gioco.

Tra i ragazzi normodotati c’è anche una turnazione nella presenza agli incontri, sia per favorire l’inclusione tra il maggior numero di alunni, sia per consentire la partecipazione ad un elevato numero di studenti, che condividono con i loro amici di scuola anche questa ulteriore esperienza.

Al termine di tale progetto la partita più importante, e quella che interessa realmente, sarà vinta dall’inclusione che l’Istituto Elena di Savoia – Calamandrei, all’interno del PTOF, si pone quale obbiettivo da perseguire durante l’intero percorso scolastico degli alunni ….. e questi siamo noi ……

 

Agricoltura pura. Dai Saperi ai Sapori

 

Il Progetto “Agricoltura pura. Dai Saperi ai sapori”, realizzato in collaborazione con i ragazzi e gli esperti dell’associazione Strada Facendo Aps di Bari, nasce dalla volontà di avvicinare i giovani alle tradizioni culturali locali, con particolare attenzione all’inclusione dei ragazzi disabili, strutturando percorsi finalizzati alla formazione del futuro cittadino, all’educazione dell’uso corretto dell’ambiente e a una sana alimentazione.

Coltivare a scuola è un’attività interdisciplinare da realizzare ad ogni età; è un’occasione di crescita umana, che trascende la divisione tra docente e studente, tra disabile e normodotato, tra categorie sociali. In ogni occasione si impara la condivisione delle azioni quotidiane, dei gesti rituali, delle scelte operative, delle nozioni acquisite e delle emozioni genuine, oltre che un metodo di vita salubre e morale.

L’insegnamento e lo sviluppo dei concetti dell’ imparare facendo”, del “prendersi cura di”, dell’ “imparare ad aspettare” dell’ “imparare ad amare il proprio lavoro”, del “lavorare in gruppo” sono accresciuti nella didattica dell’orto della scuola, che consente quotidiani richiami concreti all’educazione alimentare e al cibo, quale fonte di nutrimento.

Gli orti scolastici con le consuete attività di semina, cura e raccolta rappresentano uno strumento di educazione ecologica che favorisce il benessere fisico e psicologico dei partecipanti, che imparano ad avere una cura amorevole del proprio territorio e dei principi dell’educazione ambientale e alimentare

L’I.I.S.S. Elena di Savoia – P. Calamandrei offre la possibilità di utilizzare spazi operativi dedicati e strumenti, e pone a disposizione le conoscenze tecniche specifiche attraverso i propri Esperti Agronomi, i propri laboratori e il proprio orto.

Tutti insieme, mano nella mano, saremo coinvolti, ognuno secondo le proprie caratteristiche, e insieme partiamo con la condivisione dell’esperienza della coltivazione di alcune specie di piante aromatiche: Salvia, Timo, Origano, Melissa e Rosmarino.

Parte delle piantine aromatiche prodotte saranno poste in espositori di supermercati/ipermercati locali, con possibilità di organizzare giornate dedicate durante le quali gli alunni dell’Istituto potranno mostrare personalmente ai clienti dei supermercati la produzione realizzata. Le piantine aromatiche esposte saranno distribuite agli interessati, dietro il rilascio di un’offerta che sarà devoluta interamente a favore di associazioni di ragazzi disabili.

Altra parte delle piantina insaporirà alcune delle attività laboratoriali presso la sede Calamandrei.

E al termine del percorso saremo tutti più ricchi e maturi perché ognuno di noi avrà imparato dall’esperienza con l’altro che una comunità è vivere insieme nel rispetto delle persone, dell’ambiente e delle diverse abilità ….. e questo a noi dell’Elena di Savoia ….. ci piace tanto !

Sfoglia la documentazione e i video sull’evento Inclusione

Passeggiando tra i colori