Seminario di approfondimento “Le segnalazioni nelle scuole: indicazione pratiche per operatori scolastici”

Il 29 novembre 2019, a partire dalle ore 9.00 nell’Auditorium dell’I.S.S.S. “Elena di Savoia” in via Caldarola , il Centro Antiviolenza dell’Assessorato al Welfare del Comune di Bari, organizza il seminario di approfondimento “Le segnalazioni nelle scuole: indicazione pratiche per operatori scolastici” con l’obiettivo di offrire strumenti e prassi utili ai docenti e dirigenti della città di Bari, preziose sentinelle sul territorio nei casi di violenza e pregiudizio sui minori, affinché siano correttamente informati sulle modalità e procedure di segnalazione e denuncia.
Nel mese di novembre ricorrono due date importanti: il 20 novembre in cui ricorre il 30° anniversario della Convenzione dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e il 25 novembre Giornata Mondiale contro la violenza di genere.

Formazione docenti: Il Teatro popolare nella scuola: riflessioni, confronti, esperienze

Sulla piattaforma Sofia è possibile iscriversi  – gratuitamente – al Corso di formazione dal titolo:

Il Teatro popolare nella scuola: riflessioni, confronti, esperienze.

Entra in piattaforma Sofia e clicca sul codice per accedere all’iscrizione ID 37397

Clicca su Modulo di Adesione per completare l’iscrizione e segui le istruzioni.

Il corso di formazione per Docenti – propedeutico anche all’annuale concorso scolastico intitolato a Vito Maurogiovanni, scrittore, poeta e giornalista barese, ha finalità culturali e formative: s’intende, infatti, con l’organizzazione di tale attività, trasformare il grande interesse che numerose scuole hanno nei confronti dei laboratori teatrali in competenze che i docenti possono acquisire frequentandolo come formazione professionale. Gli iscritti seguiranno un percorso che darà loro l’opportunità di maturare competenze spendibili nelle proprie scuole relative all’organizzazione di laboratori teatrali, sperimentando metodologie didattiche innovative. Tali attività hanno un alto valore formativo per gli studenti, educano, infatti, a vivere una cittadinanza attiva, insegnano loro nuovi linguaggi, li abituano a lavorare in gruppo e a includere, a conoscere e a scoprire il proprio territorio, le identità culturali dello stesso e a raccontale esercitando abilità comunicative.

 

A.S. 2019-2020 Desiderata Docenti – sede Elena di Savoia

Tutti i docenti della sede Elena di Savoia, devono compilare on line – entro il 31 luglio 2019 – la richiesta della giornata libera –  1 opzione e 2 opzione -, UTILIZZANDO ESCLUSIVAMENTE il seguente link:

DESIDERATA DOCENTI

Si ricorda ai docenti che la richiesta di cui sopra è subordinata alle prioritarie esigenze didattiche (equilibrio dei carichi giornalieri di insegnamento) e logistico/funzionali dell’Istituto, tenuto conto della sua complessità organizzativa, dell’eventuale necessità di gestione collegate all’assegnazione di docenti su più scuole e dell’articolazione in più corsi dell’offerta formativa. Pertanto nella stesura dell’orario i desiderata, non obbligano in nessun modo la commissione orario ed il loro soddisfacimento sarà possibile solo se ne sussistono le condizioni.
Si confida sulla comprensione, sulla collaborazione e disponibilità dei docenti.

Orientamento – Presentazione Istituto

Codice meccanografico
Link per le iscrizioni online!
logomcombinato
BAIS04900R
iscrizionionline1819

 

Manifestazione antimafia 2 ottobre 2018

Gli alunni delle classi 5A Alb., 5B Alb., 4C Alb., 3Sia, 2C Alb.(sede Calamandrei), insieme ai loro docenti accompagnatori, proff.ri F. Perrino, D. A. Pacucci, T. Guerra, R. Lorusso, R. Forlenza, parteciperanno il giorno 2 ottobre 2018, in occasione dell’anniversario dell’omicidio del giovane Gaetano Marchitelli, alla manifestazione antimafia che si terrà in piazza Umberto I a Carbonara. Docenti, alunni e genitori sono invitati alle ore 17:00 alla fiaccolata che partirà da piazza Santa Maria del Campo-Ceglie, per raggiungere piazza Umberto I a Carbonara.

Si spera che la morte di Marchitelli, ucciso per errore in una sparatoria fra clan, e quella di Giuseppe Mizzi e di tante altre vittime innocenti, possano portare ad una attenta riflessione e ad una volontà di impegno sociale.